Aggiungi un commento

Se è vero che esprimersi in termini generali è sempre un limite,è pur vero che le esperienze di ciascuno non possono mai essere così diffuse da estendersi alla totalità di un popolo.
E' cosi giocoforza raccogliere varie testimonianze ,aggiungerle alle proprie conoscenze e,con queste, provare a formulare obiettivamente un giudizio meno personale e più generale.
Bene, dalle mie conoscenze personali maturate in casa non per un rapporto sentimentale (o sessuale) ma di lavoro domestico con le donne ucraine,non posso non confermare le "dolenti note " che ho letto innanzi.
In particolare, mi sono apparse non solo decise ma decisioniste come dire sempre aduse ad impugnare il bastone di comando ed imporre le proprie vedute ; e questo-notisi - all'interno di un rapporto di lavoro <<dipendente >> !
Sono anche facili a dire bugie di varia natura e a fingere un'affettività falsa ,per procacciarsi maggiore benevolenza.
Insomma, ad assumere un ruolo dominante che le induce a negare - per non ammettere di avere torto- anche l'evidenza.
Con la furbizia finale di nascondersi ( quando fa comodo, s'intende ) dietro l'ignoranza della lingua italiana che non avrebbero ben compreso.
Quindi,salvo eccezioni, brutta gente sbarcata in Italia cinicamente per arricchirsi e farsi le case con ogni possibile scorciatoia.
Capaci ( e qui intervengono i casi di altri,da me appresi ) di blandire il loro ideale di uomo italiano : vecchio ricco e rincoglionito.
Se non sei vecchio ,ti temono.
Se non sei ricco, ti schifano.
Se non sei rincoglionito, ti odiano.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.