Aggiungi un commento

Ne ho conosciute talmente tante.... Ucraine, russe, estoni, lettoni, lituane, kazake, tagike, uzbeche, polacche, armene, ceche, rumene, slovacche, ecc.ecc. Mai visto un film diverso. Forse una volta (l'eccezione che conferma la regola?). Tutte uguali. Stupende come amiche o come amanti, se hai lo stomaco di stare accanto a loro mentre compiono dei veri e propri abomini nei confronti dei poveri malcapitati che se le sono prese. Traditrici e spietate. Sempre amiche di persone borderline che tengono ben nascoste perché il farsi vedere insieme a loro gli rovina la reputazione, sorry, il business... Ma pronte a tirarle fuori quando una delle loro povere vittime si sveglia dal sogno e poco poco si risente...
E anche tutte queste commentatrici... Di sicuro hanno assistito a delitti indicibili perpetrati ad opera delle loro conoscenti. Ma, a sentire dai discorsi che fanno, anche loro forse non sono da meno. Mi sembrano trombatrici di cervello professioniste anche alcune di loro. Sono tutte programmate sin da piccole per troncare psicologicamente l'uomo. Il problema fu riconosciuto in epoca non sospetta da uno Zar... Promulgarono anche una legge in materia per difendere il marito russo dalle manipolazioni psicologiche di queste ciniche ANAFFETTIVE. Già... Perchè l'anaffettivià è il flagello endemico di queste regioni. Andatevi a vedere da cosa è provocata questa patologia. E cosa comporta. Capirete tutto. Capirete perché sono incapaci di amare. Soprattutto. Sono come locuste. Appena cannibalizzato il malcapitato di turno (affettivamente ed economicamente) passano a quello dopo. O ad uno migliore. Non hanno limiti nè remore. Tutto è lecito per il loro fine: colmare il vuoto incolmabile che si portano dentro. Fino a quando la bellezza regge. Dopo si accontentano del bavoso di turno. Basta che abbia una pensione decente e soprattutto reversibile, la casa e qualche soldo da parte. Fanno il loro dovere a letto, ma nel frattempo si faranno ingroppare anche dal sostituto del postino, et voilà, il gioco è fatto. La loro vita è sistemata. L'importante è non lavorare. Sono come spie in zona di guerra. Solidali tra loro fino alla morte. Anche nei commenti che leggo. Pur di farsi scoprire si farebbero uccidere. Bugiarde ed ipocrite anche con loro stesse, come uno zingaro della peggiore specie. Hanno un fine comune. Asservire colui che serve per il loro mantenimento: l'uomo. Macchè amore... Ahahahah Ed i figli. Nella stragrande maggioranza hanno solo un fine egoistico. O come scusa per continuare a non fare niente, o per ritrovarsi un qualcuno che le ama incondizionatamente. Sono maestre di marketing. Loro sanno veramente vendere un sogno. E lo sanno fare bene, si sanno scegliere bene l'uomo che ha sentimenti. È l'investimento più remunerativo. Bravi quelli che le trattano subito come meritano.

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.