Aggiungi un commento

Purtroppo devo ammetterlo, ingenuamente pensavo di essere immune, perché nella vita ne avevo viste già tante, direttamente e indirettamente.
Erano 10 anni che rifiutavo relazioni e legami, perché forse soffro di un "complesso dell'abbandono" che, mi hanno spiegato, derivante dalla perdita di mia madre a 5 anni e ogni volta che ho perso una persona, ne ho sofferto molto, impiegandoci molti mesi a farmene una ragione.

Ad un certo punto della vita, dopo aver finito le lacrime, avevo deciso di non voler più avere vicino quacuno che non "potevo permettermi di perdere"! Credo di essere un uomo comprensivo, di sani valori e sentimenti, non sono un "principe azzurro", anch'io ho i miei difetti, come tutti gli umani, ma sono disposto al dialogo costruttivo e a farmi in 4 se necessario, affrontando qualsiasi sacrificio pur di dare felicità, serenità, soddisfazioni e prendermi cura della mia compagna, per questo mai mi sarei aspettato un comportamento cattivo,vigliacco, subdolo e senza nessuna riconoscenza.

Questa donna, all'apparenza, bellissima, dolce, tenera, bisognosa di aiuto, affetto, sfortunata, senza famiglia, con una malattia degenerativa, che avrebbe dovuto addolcirla, ha finito per usarla come scusa, per impigrirsi e farsi mantenere pretenziosamente, si è dimostrata una iena aggressiva, senza scrupoli ne vergogna, infangandomi spudoratamente per poi poter giustificare tutte le sue azioni ignobili e disumane, sfruttando persino la cagnetta che diceva di amare,Baileys, pur di farmi del male gratuitamente e credetemi, assolutamente immeritato. Queste persone che secondo me sono destinate ad essere infelici per tutta la vita, perché nulla le può far felici per molto, etrnamente insoddisfatte, si spengono alle prime difficoltà ed ingenuamente pensano di sostituirti con un nuovo progetto, che immancabilmente fallisce, ritrovandosi più frustrate di prima, perché non riconoscono il vero sentimento del bene, ma badano solo ad apparire e al benessere economico, solo fumo negli occhi. Esattamente come descritto nell'articolo, sono brillanti e socialmente piacevoli, in questo modo acquistano credibilità,
così per chi le vede da fuori, pare impossibile che siano bugiarde patologiche, irresponsabili e spietate, prive di scrupoli e sensi di colpa, pronte a distorcere la realtà tanto da dimenticarla e sostituirla con le loro falsità, ma anche superficiali, attratte da proibito, perverse tanto da pensare di "comprarti" col sesso, di manipolarti per ottenere quello che vogliono e quando non lo ottengono, ti accusano di non desiderarle più (ma come si fa a fare sesso con una che si comporta così? Sono troppo sensibile, non ho un bottone che puoi premere e magicamente "si alza"!!!), proprio a quel punto si incattiviscono ancora di più, diventano fredde, asociali e incapaci di seguire le più elementari regole di vita di coppia e della casa, non ho mai vissuto nel disordine e nella sporcizia come in quel periodo, nonostante avessimo la donna di servizio una volta alla settimana per i mestieri più faticosi. Ho cercato di cambiare questa tendenza, ma più facevo e più era incattivita, mi sono reso conto che nulla sarebbe cambiato, ormai era con la testa da un'altra parte e rischiavo salute, soldi, lavoro e incolumità, perché diventava sempre più aggressiva e violenta, tanto da domandarmi da dove arrivasse tutta questa cattiveria, dov'era finita la ragazza dolce e angelica che avevo conosciuto? Rischiavo anche di finire in galera, perché chissà cosa sarebbe stata capace di inventarsi, pur di vendicarsi del suo fallimento. Poi, un'anno fa, piano,piano, ho fatto in modo che gli scontri finissero, mancando da casa più che potevo, sballando i miei orari per non incontrarla e dormendo sul divano per non infastidirmi ulteriormente e limitare gli scontri. Allora ho assecondato tutti i suoi nuovi progetti, dicendole che ero felice per lei e finalmente dopo 2 mesi è andata via e a malincuore ho dovuto ammettere a me stesso, che, nonostante tutto, mi era andata bene, poteva finire veramente male, un male dal quale non si torna più indietro. Dopo sei mesi e dopo aver scoperto molte altre cose del suo passato e presente, gli ho contestato al telefono tutte queste cose, mi ha chiesto scusa, ma non ha ammesso le cose più gravi, si è lamentata che le mie parole sottointendevano il suo comportamento da prostituta/escort, ma che idea posso avere di una donna che in 4 anni cambia 10 uomini, di questi, 2 li aveva passati con me e gli errori con gli altri uomini erano sempre gli stessi.A distanza di un'anno mi domando ancora come possano nascere e crescere persone così, sono molto rammaricato,ma allo stesso tempo non porto rancore, le auguro di trovare persone che le vogliano bene, almeno quanto ne ho voluto io, oltre a felicità ed equilibrio, spero di non essere utopico!!!

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.